Trasporto sociale

Tipologia

Il Trasporto Sociale è un servizio utile a facilitare l’accesso alle strutture sanitarie, assistenziali nonché riabilitative o educative pubbliche o convenzionate.
Il servizio di Trasporto Sociale può essere effettuato sia in forma collettiva sia in forma individuale a seconda delle esigenze e della destinazione.
Il Trasporto Sociale si considera concluso con l’arrivo presso la struttura di destinazione o il rientro al proprio domicilio.

Destinatari

Il Trasporto Sociale si rivolge ai cittadini privi di mezzi propri e/o che non sono in grado di utilizzare i consueti mezzi di trasporto e che non trovano risposta al loro problema di mobilità nell’aiuto privato, in particolare dei parenti o affini conviventi o tenuti per legge agli alimenti, che gli consentano di recarsi nelle strutture sanitarie, assistenziali nonché riabilitative o educative pubbliche o convenzionate per sottoporsi ad accertamenti sanitari o terapie.
Possono beneficiare del servizio, in via di principio, i cittadini residenti nel Comune di Casalmaiocco che ne facciano richiesta trovandosi in una delle condizioni sotto elencate:
–         soggetti portatori di handicap di natura fisica, psichica, sensoriale, in grado di deambulare autonomamente;
–         anziani;
–         persone con ridotta capacità motoria, ma comunque autosufficienti ovvero accompagnati;
–         cittadini invalidi (o che abbiano presentato richiesta di riconoscimento di invalidità civile);
–         persone in difficoltà motoria e fisica, anche temporanea, a seguito di presentazione di idonea certificazione medica;
–         minori;
–         alunni;
–         soggetti a rischio di emarginazione;
–         soggetti che necessitano di particolari interventi sanitari.

In ogni caso i soggetti beneficiari del trasporto possono essere accompagnati da soggetto di loro fiducia.

Modalità accesso al servizio

L’ammissione al servizio, di competenza dell’Uff. Servizi Sociali del Comune, è subordinata a:
1. presentazione impegnativa del medico;
2. disponibilità di posti;
3. compatibilità di orari/date/luoghi.

La quota di compartecipazione alle spese ai costi del servizio è determinata mediante applicazione di tariffe fisse e differenziate stabilite annualmente dalla Giunta Comunale.